Accesso ai servizi

INTERREG VI-A FRANCIA-ITALIA (ALCOTRA) 2021 – 2027 - PROGETTO VALOD'OC

INTERREG VI-A FRANCIA-ITALIA (ALCOTRA) 2021 – 2027 - PROGETTO VALOD'OC

 

ValOd’OC! – Valorizzazione e Organizzazione degli Operatori della Castanicoltura è un progetto singolo finanziato dal bando “Nuove sfide” del programma Interreg VI-A Francia-Italia (ALCOTRA) 2021 – 2027.
Il progetto ValOd’OC intende rilanciare la castanicoltura da frutto sull’area transfrontaliera a cavallo tra la valle Stura e la valle della Tinée, avviando un’azione integrata di qualificazione del prodotto e di organizzazione del processo con la finalità di recuperare la cultura del castagno come attività economica e di sviluppare intorno ad essa una nuova filiera produttiva e di mercato, in grado di produrre reddito e occupazione.
Inoltre, consentirà di rispondere alla crisi produttiva del settore che sta portando a una riduzione del ruolo di tutela ambientale e paesaggistica che i castagneti svolgono sul territorio alpino.
Con il supporto dell’Università degli Studi di Torino, il progetto intende selezionare le cultivar autoctone maggiormente vocate alla trasformazione, definire le corrette pratiche di loro coltivazione, avviare l’operatività di laboratori sperimentali ad uso collettivo e organizzare la filiera transfrontaliera, modellizzando le fasi di produzione, di scambio e di logistica funzionali alla sua valorizzazione sul mercato.


Inoltre, il progetto vuole promuovere lo sviluppo delle competenze dei castanicoltori, attraverso specifici programmi di informazione e di sensibilizzazione sul territorio, inerenti gli aspetti tecnici, colturali e normativi relativi alla coltivazione del prodotto e alle fasi successive di gestione dello stesso, dall'organizzazione della filiera alla sua presenza competitiva sul mercato.
Gli obiettivi che in definitiva ValOd’OC intende perseguire sono:
- far tornare il castagno ad essere una vera e propria coltivazione, specializzata su varietà autoctone;
- sperimentate linee di trasformazione che incrementino il valore aggiunto del prodotto, inserendole all’interno di una filiera organizzata, che renda possibile la condivisione delle attrezzature da parte dei produttori;
- sviluppare congiuntamente le fasi di riconoscimento della filiera transfrontaliera e di commercializzazione del prodotto su mercati ad alto valore aggiunto, superando i diversi passaggi della castagna dalla produzione al consumo che, inserendosi tra una fase e l’altra lungo l’intero processo, penalizzano i produttori, indeboliscono il loro potere contrattuale nei confronti degli altri attori della filiera e abbattono la quota di remunerazione del loro raccolto.
Tra i risultati attesi del progetto, a riconoscimento dell’intero percorso di qualificazione di prodotto e di processo cui il progetto stesso tende, vi sono la creazione di un organismo collettivo che rappresenti la filiera castanicola transfrontaliera e la definizione di un marchio commerciale per la valorizzazione sul mercato del comparto e dei prodotti ottenuti.

I partner sono:
- Unione Montana Valle Stura (capofila);
- Impresa Verde Cuneo srl;
- Comune di Isola;
- Association foncière agricole de la châtaigneraie des vallées de la Tinée et de la Vésubie.

Importo progetto: € 741.743,00;Contributo FESR: € 593.394,40;Contropartite: € 148.348,60.

Avanzamento del progetto
- Lunedì 25 marzo 2024. Presentazione del progetto in valle Stura (Rittana).
Documenti correlati: locandina
Report dell'incontro del 25/03 a Rittana 
Compte rendu de la réunion du 25/03 à Rittana

- Giovedì 4 aprile 2024. Comitato di pilotaggio.

- Iniziative di Formazione per i castanicoltori 
Comunicato e locandina