Accesso ai servizi

M1 - C1 - INVESTIMENTO 1.4.4 - ESTENSIONE DELL'UTILIZZO DELLE PIATTAFORME NAZIONALI DI IDENTITÀ DIGITALE - SPID CIE

Estensione dell'utilizzo delle piattaforme nazionali di identità digitale - SPID CIE - Missione 1 -  Componente 1 Investimento 1.4.4 



M1 - C1 - Investimento 1.4.4 - Estensione dell'utilizzo delle piattaforme nazionali di identità digitale - SPID CIE


Obiettivo

Favorire l'adozione dell’identità digitale (Sistema Pubblico di Identità Digitale, SPID e Carta d'Identità Elettronica, CIE) e dell'Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR).

Vantaggi per la PA
  • Le soluzioni di identità digitale SPID e CIE consentono alle amministrazioni di abbandonare i diversi sistemi di autenticazione gestiti localmente, permettendo di risparmiare risorse (in termini di lavoro e costo necessari per il rilascio e la manutenzione delle credenziali) ed offrire un accesso sicuro e veloce ed omogeneo ai servizi online su tutto il territorio nazionale.
  • Con ANPR le amministrazioni potranno dialogare in maniera efficiente tra di loro, avendo a disposizione un punto di riferimento unico di dati e informazioni anagrafiche, dal quale poter reperire informazioni certe e sicure per poter erogare servizi integrati e più efficienti per i cittadini. Per la Pubblica Amministrazione significa guadagnare in efficienza superando le precedenti frammentazioni, ottimizzare le risorse, semplificare e automatizzare le operazioni relative ai servizi anagrafici, consultare o estrarre dati, monitorare le attività ed effettuare analisi e statistiche
Raggiungimento dell'obiettivo primario
La misura 1.4.4 ha per oggetto la piena adozione delle piattaforme di identità digitale attraverso il raggiungimento dei seguenti obiettivi:
  • Adesione alla piattaforma di identità digitale SPID.
  • Adesione alla piattaforma di identità digitale CIE.
  • Erogazione di un piano formativo su disposizioni normative, linee guida e best practices in caso di integrazione a SPID e CIE con protocollo SAML2
È inoltre raccomandata l’integrazione al nodo italiano eIDAS.
L’obiettivo finale sarà dunque di assicurare l’adozione di entrambe le piattaforme di identità digitale (SPID e CIE), indifferentemente dal proprio scenario di partenza.
 
TEMPI
  • Le attività progettuali devono essere avviate a partire dalla data di notifica del decreto di finanziamento di cui all’art.10 dell’Avviso.
  • Il progetto di integrazione deve essere concluso nel termine perentorio di 10 mesi dalla data di contrattualizzazione del fornitore.
 
DURATA DEL SERVIZIO
Il servizio è incluso nei canoni del software gestionale e delle piattaforme di servizi digitali dell'Ente.
Documenti allegati:

Ignora collegamenti di navigazione